Comune di PadriaComune di Padria

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito



Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI COMUNITARI

Sono cittadini comuntari tutti coloro che sono in possesso della cittadinanza di uno degli stati membri della comunità europea. Ad oggi gli Stati che ne fanno parte sono diventati 28 e precisamente: Italia, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Sono equiparati ai cittadini comunitari anche i cittadini NON comunitari dei seguenti Stati: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera, Rep. San Marino.

I cittadini dei paesi dell'unione Europea hanno diritto d'ingresso in Italia dove possono soggiornare senza alcuna formalità per un periodo non superiore a tre mesi. E' suficiente che abbiano un documento d'identità valido per l'espatrio.

Dall'11 aprile 2007, il cittadino che vuole soggiornare più di tre mesi, non deve chiedere più la carta di soggiorno, ma deve richiedere l'iscrizione all'anagrafe del comune dove intende stabilirsi.

Requisiti:

- avere la dimora abituale a Padria;

-Essere lavoratore (subordinato o autonomo), oppure avere la disponibilità di risorse economiche sufficienti a non diventare un onere per lo Stato italiano e un'assicurazione sanitaria che copra tutti i rischi.

Documentazione da presentare:

- documento d'identità (passaporto o carta d'identità) e codice fiscale di tutti i richiedenti l'iscrizione;

-attestato di iscrizione anagrafica rilasciato dal Comune di provenienza, qualora in possesso;

Inoltre a seconda della condizione, devono presentare anche:

LAVORATORI SUBORDINATI, uno dei seguenti documenti:

- ultima busta paga;

- ricevuta di versamento dei contributi INPS;

- comunicazione di assunzione al CIP- Centro per l'impiego;

- ricevuta di denuncia all'INPS del rapporto di lavoro;

-comunicazione all'INAIL del rapporto di lavoro;

- contratto di lavoro contenente gli identificativi INPS e INAIL.

LAVORATORI AUTONOMI,  uno dei seguenti documenti:

- certificato di iscrizione anagrafica alla Camera di Commercio;

- attestazione di attribuzione di partita IVA;

- iscrizione all'albo professionale (in caso di libere professioni).

STUDENTI:

- Certificazione di iscrizione al corso presso un istituto riconosciuto e durata dello stesso;

- polizza di assicurazione sanitaria della durata di un anno, o pari alla durata del corso se inferiore all'anno, che copra tutti i rischi oppure altro titolo idoneo (es. modelli E106, E120, E121, E 109, E 37). La tessera sanitaria europea (TEAM) non sostituisce la polizza sanitaria;

- documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche propirie. Questo requisito può essere dichiarato, l'autocertificazione deve comunque indicare la fonte di reddito dichiarato e ogni altro elemento utile a poter effettuare le verifiche (es. i dati del conto corrente postale e/o bancario).

RELIGIOSI:

- dichiarazione del responsabile della Comunità religiosa in Italia attestante la natura dell'incarico ricoperto, l'assunzione dell'onere del vitto e dell'alloggio, vistato dalla Curia vescovile o da equivalente autorità religiosa in Italia;

- dichiarazione del responsabile della Comunità religiosa in Italia di assunzione delle spese sanitarie o, in altenativa, polizza di assicurazione sanitaria della durata di un anno che copra tutti i rischi oppure altro idoneo (es. modelli E106, E 120, E121, E109, E37). La tessera sanitaria europea (TEAM) non sotituisce la polizza sanitaria;

MINORI NON ACCOMPAGNATI:

- Provvedimento dell'Autorità giudiziaria minorile che dispone l'affidamento o la tutela del minore;

- documento d'identità del tutore o affidatario;

- passaporto o documento equipollente del minore.

ALTRI:

- polizza di assicurazione sanitaria della durata di un anno che copra tutti i rischi oppure altro titolo idoneo (es. modelli E106, E120, E121, E109, E37). La tessera sanitaria europea non sostituisce la polizza sanitaria;

- documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche proprie. Questo requisito può essere dichiarato, l'autocertificazione deve comunque indicare la fonte di reddito dichiarato e ogni altro elemento utile a poter effettuare le verifiche (es. i dati del conto corrente postale e/o bancario).

FAMILIARI: (Per familiari si intendono: il coniuge; i discendenti diretti di età inferiore ai 21 anni o a carico e quelli del coniuge; gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge):

- documentazione attestante la qualità di familiare (es. certificato in originale di matrimonio, di nascita con paternità e maternità, ecc.); la documentazione dovrà essere tradotta e legalizzata;

- documentazione che attesti che il familiare è a carico del cittadino comunitario solo in caso di discendenti di età superiore ai 21 anni o di ascendenti; la documentazione dovrà essere tradotta e legalizzata; la vivenza a carico può essere autocertificata;

- attestato di richiesta di iscrizione del familiare avente il diritto autonomo di soggiorno (se questo è residente in altro Comune).

  In caso il titolare del diritto di soggiorno non sia un lavoratore, il familiare dovrà presentare anche:

  • polizza di assicurazione sanitaria della durata di un anno che copra tutti i rischi oppure altro titolo idoneo (es. modelli E106, E120, E121, E109, E37);
  • se la richiesta di iscrizione del familiare non è contestuale a quella del titolare, si dovrà presentare anche la documentazione che attesti la regolarità del soggiorno del titolare.

I familiari non comunitari, se non sono in possesso del permesso di soggiorno, devono presentare:

- documento di identità (passaporto o documento equipollente);

- visto d'ingresso se provenienti da paesi per i quali è richiesto;

- documentazione attestante la qualità di familiare (es. certificato in originale di matrimonio, di nascita con paternità e maternità, ecc.); la documentazione dovrà essere tradotta e legalizzata;

- ricevuta richiesta permesso di soggiorno in qualità di familiare di cittadino comunitario.

La pratica di iscrizione anagrafica verrà definita solo dopo la presentazione del permesso di soggiorno.

ITER

L'Ufficiale d'anagrafe, ricevuta la richiesta, effettua gli accertamenti necessri per verificare l'esistenza della dimora abituale avvalendosi anche degli agenti di polizia municipale; qualora proveniente da altro comune trasmette al comune di precedente iscrizione anagrafica il relativo modello per la cancellazione.

Se l'accertamento è positivo il richiedente risulterà iscritto nell'anagrafe della popolazione residente.

Se l'accertamento risulta negativo verrà notificato al richiedente il motivo del mancato accoglimento.

Avverso il provvedimento di rifiuto o revoca del diritto di soggiorno è ammesso ricorso al tribunale in composizione monocratica del luogo ove dimora il richiedente, il quale provvede, sentito l'interessato, nei modi di cui agli art. 737 e seguenti del codice di procedura civile.

DECORRENZA

La cancellazione dall'anagrafe del comune di precedente residenza e l'iscrizione nell'anagrafe del comune di Padria avranno la stessa decorrenza, cioè quella della data della dichiarazione di trasferimento resa dall'interessato all'ufficio anagrafe.

NORMATIVA: L. 24 dicembre 1954 n. 1228, D.P.R. 30 maggio 1989 n. 223, D.P.R.28 dicembre 2000 n. 445, D.Lgs. 6 febbraio 2007 n. 30, D.P.R. 31 agosto 1999 n. 394

UFFICIO COMPETENTE: anagrafe

RESPONSABILE: Boeddu Paola

INDIRIZZO: piazza del Comune n. 1

TELEFONO: 079/807018

FAX N.: 079/807323

MAIL: protocollo@pec.comune.padria.ss.it

           amministrativo@comune.padria.ss.it

ORARIO: dal lunedì al sabato dalle 11.00 alle 13.00

 

Home | Mappa del sito | Contatti | Credits | ConsulMedia 2009 | @ Comune di Padria - Tutti i diritti riservati

Vai su